<- Record precedente Record successivo ->


Visite: 2823

SABINA GUZZANTI


Sabina guzzanti
Sabina guzzanti

BIOGRAFIA

Da tempo riconosciuta come una delle stelle della comicità e della satira, Sabina Guzzanti nasce il 25 luglio 1963 a Roma, dove si diploma presso l'Accademia di Arte Drammatica. Figlia maggiore di un autorevole commentatore politico e giornalista, il celebre Paolo Guzzanti (nipote a sua volta di un potente medico che è stato ministro nel governo Dini), l'attrice si è sempre schierata proprio dalla parte avversa a quella "difesa" dal padre che, dopo un periodo di militanza nella sinistra, ora si riconosce nello schieramento di centro-destra.

Stesso percorso di Sabina, pur con le dovute differenze, ha intrapreso il fratello Corrado, divenuto celebre in tivù con le sue imitazioni e parodie (in particolare, indimenticabile quella di Gianfranco Funari). Infine, la famiglia conta un'altra attrice-commediante, la più piccola Caterina.



Ad ogni modo, è proprio con il fratello che la Guzzanti esordisce sul palcoscenico, formando una coppia comica di dirompente comicità.

Nella sua carriera, sviluppatasi prevalentemente in televisione (il mezzo che, naturalmente, le ha regalato la popolarità), ha saputo creare personaggi memorabili attraverso l'uso sapiente e camaleontico della parodia satirica. L'esordio vero e proprio si può far risalire al 1988 quando ha modo di partecipare al programma "La TV delle ragazze", per poi imporsi in una serie di varietà dello stesso tipo (come, ad esempio, "Scusate l'interruzione", "Tunnel" e"Avanzi"). Fra le sue riuscite più memorabili vi è l'imitazione della pornodiva Moana Pozzi, tratteggiata con esiti esilaranti.

Successivamente, calibrando la sua comicità più sul versante politico, (all'epoca di "La posta del cuore" nel 1998, ad esempio), le sue imitazioni di Massimo D'Alema e di Silvio Berlusconi sono diventate dei veri e propri tormentoni.

Grazie alla notorietà arriva anche il Cinema. Giuseppe Bertolucci la vuole per il suo film "I cammelli" (con Diego Abatantuono e Claudio Bisio), la pellicola che la lancia sul grande schermo. Data l'ottima affinità che si instaura fra i due, in seguito girano insieme anche "Troppo sole", una virtuosistica performance in cui l'attrice impersona praticamente tutti i ruoli previsti dalla sceneggiatura, scritta fra l'altro in collaborazione con David Riondino, suo compagno anche nella vita privata.

Il film seguente è "Cuba Libre-Velocipidi ai tropici", interamente su soggetto di Riondino. Nel 1998 si sente pronta per rischiare in proprio e per fare un tentativo in completa autonomia. Ecco dunque che realizza "Donna selvaggia", un cortometraggio in cui si pone dietro la cinepresa.

Ma Sabina si è cimentata anche con il teatro, suo eterno ed inossidabile amore. Frequentato moltissimo soprattutto all'inizio della carriera, è tornato prepotentemente al centro dei suoi interessi. Sempre grazie al connubio artistico col fratello Corrado e con Serena Dandini (la presentatrice e l'autrice di molti suoi spettacoli televisivi), Sabina Guzzanti si è messa in gioco dal vivo nello spettacolo "Recital", in cui, grazie alle sue grandi capacità di artista, propone personaggi noti e meno noti (alcune sono vere e proprie macchiette), come la poetessa, la scrittrice, la suora, la svampitissima Valeria Marini o Irene Pivetti, Massimo D'Alema o il suo onnipresente, esilarante, Silvio Berlusconi.

Nel novembre 2003 Sabina Guzzanti è tornata a far parlare di sè con la prima puntata del suo programma "Raiot", in onda su Raitre, per due motivi...

Il primo: sebbene la trasmissione sia stata collocata in una fascia notturna (23:30) gli ascolti sono stati eccezionali.

Il secondo: Mediaset per la pronuncia di "gravissime menzogne e insinuazioni" nel corso del programma, ha dato mandato ai propri legali di avviare azioni giudiziarie contro di lei.

Le registrazioni del programma sono continuate ma la trasmissione è stata sospesa, scaturendo molte polemiche.

Nonostante questo, la prima puntata mandata in onda dalla Rai e le successive censurate, sono state comunque riprese e distribuite liberamente su Internet raccogliendo un enorme successo. La querela è poi stata archiviata dalla magistratura che ha giudicato infondate le accuse di Mediaset.

Nel 2005 Sabina Guzzanti ha presentato a Venezia, in contemporanea alla Mostra del cinema il film-documentario "Viva Zapatero!" che denuncia la poca libertà di informazione in Italia con il contributo di comici di satira di altri paesi europei.

Dirige poi i film per il cinema "Le ragioni dell'aragosta" (2007) e "Draquila - L'Italia che trema" (2010). Nel 2014 presenta a Venezia il suo nuovo film-documentario "La trattativa", il cui tema centrale è quello della cosiddetta trattativa Stato-mafia.


Novita

Alice Caioli in concerto

Vai alle notizie

Ultimo video

Experimenta - You Are to Me

Experimenta - You Are to Me

Seguici anche su...